«

»

Ott 10

Galateo del pompino per lui e per lei

Fare un spettacolare e riceverlo. Le regole da seguire al momento della fellatio, per l’uomo e la donna

pompino-blowjob-perfetto

Per fortuna, il contesto storico in cui viviamo fa sì che il pompino sia un atto sessuale ormai abitudinario. Anche troppo. Sono capitati casi in cui, alla luce del sole, delle coppie si lasciavano andare a pompini stratosferici in parchi giochi, in panchine e in spiaggia (il caldo scatena gli ormoni, si sa).

A parte la regola di cercare di farlo in un luogo appartato e non sotto gli occhi di tutti, esiste un vero e proprio decalogo del pompino per lei, ma anche per lui. Molti uomini rimproverano alle donne di ingoiare, di guardarli negli occhi e di non stringere o mordere, ma cosa devono dire le povere malcapitate che si ritrovano sborrate in bocca o in faccia

o essere spinte col cranio come delle bambole di pezza a simulare i movimenti giusti?  Urge scrivere un galateo del pompino, per lui e per lei.

Galateo del pompino per lui

Vietati gli accompagnamenti. Prendere lei per la collottola o sulla nuca e iniziare a muoverla su e giù per sentire più piacere non è il massimo dell’educazione. Lei non gradisce e d è comunque da maleducati. E’ permesso appoggiare la mano sulla testa, accarezzarla e accompagnare il SUO movimento con delicatezza. Mai prenderla per le orecchie se volete altri pompini futuri.

Ricordarsi di avvisare. Parliamoci chiaro: a nessuna donna piace che le si sborri all’improvviso, specie in bocca. Basta con la storia del “non mi sono accorto” o “non ho fatto in tempo ad avvisare” perché non regge. Ci si deve mettere d’accordo prima, anche perché non vorrete certo che lei soffochi o vi mandi a quel paese.

Prendere la mira. Collegata alla regola di prima è centrare il bersaglio. Se lei vuole essere schizzata sulle tette, che tette siano. Sborrarle in faccia e magari centrarle un occhio non è il finale degno di un pompino come si deve.

Dopo, baciarla! Basta essere schizzinosi, lei ha regalato piacere al vostro uccello, minimo ringraziatela con un bel limone duro. E’ roba vostra, non esiste che la lei in questione debba lavarsi denti e bocca per un pompino.

Ricambiare il favore. Strettamente legato al discorso di prima. Vietato accendere la TV, giocare alla Playstation o altro senza prima aver contraccambiato. Non tutto il male viene per nuocere: dal lavare i piatti a stendere il bucato, passando per una cena con i genitori di lei, le possibilità sono infinite e contrattabili anche prima…

Galateo del pompino per lei

Abbiamo visto le regole maschili per un pompino nel rispetto del galateo. Donne, non siete esonerate perché siete voi a farlo venire. Ecco le regole per un pompino perfetto.

Non stringere troppo l’uccello. Presa sicura e delicata non vuol dire morsa mortale. Basta pensare a una maniglia della porta o al cambio manuale, evitando strattoni.

Evitare di parlare. Non è il caso di raccontare un aneddoto o una cosa importante proprio nel momento in cui si deve succhiare e leccare. Meglio farlo dopo il pompino. Interrompere il tutto o parlare con la bocca piena non è educato.

Non sputare. O dentro o fuori, non esistono le mezze misure. Ingoiare o farlo schizzare fuori. Semplice e conciso.

Guardare lui negli occhi. Bisogna sempre guardare il partner nelle palle degli occhi per ostentare sicurezza, sincerità d’animo e sicurezza… Cazzate: lui si eccita di più!

Legarsi i capelli. Le chiome lunghe fanno venire il maschio a cascate. E’ bene legarsi i capelli ogni volta che si fa il pompino perché capelli, saliva e sborra non sono proprio un sinonimo di eleganza.

Per tutti e due: l’igiene è fondamentale: LAVATEVI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>