«

»

Gen 21

La bambola con le mestruazioni per spiegare il ciclo alle bambine

Dai bambolotti che piangono e che fanno pipì, alla bambola che riproduce fedelmente il periodo delle donne per eccellenza. Ecco di cosa si tratta.

bambola con mestruazioni e assorbente

Il mondo dei giocattoli è sempre stato in continua evoluzione. Essendo femminuccia ovviamente avevo ricevuto in regalo diverse bambole, come Tondo Morbillo che faceva la pipì ed era malato, Sbrodolina, la quale oltre a fare pipì faceva le bolle con la bocca, e quella top, ossia la Barbie incinta mandata da mia zia che vive tuttora in Germania (e infatti fu l’unica nazione a farla uscire). Col tempo le bambole hanno cambiato la loro funzione, perché se prima le bimbe erano indotte ad essere casalinghe e balie perfette e vestite e pettinate bene grazie a Barbie e alle varie bamboline, ecco che ora vedendo le Bratz e alcune Barbie non si può fare a meno di pensare che inducono le ragazzine

a vestirsi da troie pure se la loro bocca è ancora sporca di latte, ma cosa si può pensare alla bambola che addirittura ha il ? Con tanto di assorbenti. Che poi, diciamocela tutta, sono più carini i pannolini forati e multicolor della bambola, la quale si chiama Lammily. E’ assomigliante a una Barbie, di quelle moderne: sarà che sono cresciuta con la vecchia fisionomia di quell’icona di bambola, poi qualcuno ha deciso che la Barbie induceva all’anoressia e d era troppo perfetta, e via, rendiamola meno zoccola e più cesso, come una ragazza normale. Come se fosse colpa di una bambola e non della società che certe ragazzine si ammalano di anoressia e bulimia e che si vogliano rifare le tette e il naso a 12 anni… Questa Lammily, comunque, le ha tutte, ossia brufoli, ritenzione idrica e quindi cellulite a iosa e pure le smagliature. Inoltre, rispetto alle Barbie, ha fianchi larghi e occhi più piccoli, oltre a vestirsi come una comune mortale e non come una supermodella.

 

La bambola è in commercio da qualche anno, ma recentemente le hanno donato (come se non avesse abbastanza disgrazie) un kit per mestruazioni, chiamato Period Party. Niente condom e spiegazioni dettagliate su vagina e uccello, solo un paio di mutandine, 18 assorbenti riutilizzabili ( tanto per cambiare), un calendario con relativi pallini per poter segnare i giorni del ciclo e un depliant con le istruzioni e cosa sono le . Per fortuna, i geni del marketing non hanno previsto coloranti rossi per simulare il ciclo, ma solo a sensibilizzare ed informare le ragazze riguardo il ciclo mestruale, ed è per questo che si è guadagnata il titolo di bambola col ciclo.

Adesso le bambine smettono presto di usare le bambole e preferiscono giocare col sigaro di carne, e se qualche adulto si sognerebbe di comprarla, è solo per spiegare alla figlia come non rimanere incinta e sinceramente gli esperti di marketing potevano escogitare altre strategie per vendere più Lammily. Va bene avviarsi verso la normalità, ma la prossima volta cosa uscirà, il kit sesso con orgasmo stellare o quello di 50 sfumature di grigio, vita la tendenza a sverginarsi sempre più presto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>