«

»

Mag 07

Link a video porno agli studenti, prof. americana si scusa

Invia video hard agli studenti: è successo ad un’insegnante della Drexel University Thomas R. Kline School of Law. Ecco i fatti.

link video porno

Vediamo gli insegnanti come una sorta di uomini e donne che devono dare il buon esempio agli studenti, e un po’ come i preti e le suore, devono dare l’idea di essere casti e puri. E’ inconcepibile trovare una insegnante immortalata in pose osé, ancora più aberrante scoprire che un insegnante abbia relazioni on ragazze giovani, o addirittura minorenni (e questo sarebbe pure reato).

Lisa McElroy è una insegnante che, come lei sostiene, ha vissuto una esperienza di umiliazione pubblica proprio davanti ai suoi studenti. Ha scelto di affrontare conseguenze e “purgatorio” attraverso le pagine della rivista Washington Post, una specie di lettera aperta dove spiega le sue ragioni, si scusa e si dice pronta ad affrontare ogni conseguenza.

Veniamo ai fatti. L’insegnante, per sbaglio, ha inviato agli studenti uan mail co un link. Fin qui, nulla di strano, tutti noi abbiamo sbagliato a mandare allegati, mail o addirittura messaggi. Il problema sta proprio nel contenuto del link. Infatti, era un link a un video porno.

L’insegnante ovviamente se ne è accorta subito, ma la mail era già stata inviata e non si poteva più tornare indietro. Si sentiva mortificata e per la vergogna voleva solo che la terra sotto di lei si aprisse e la inghiottisse seduta stante. Ha passato ore di angoscia, ma ha trovato il coraggio di raccontare la storia dell’invio del video hard alle sue figlie. La più piccola è diventata bianca come un lenzuolo, ha chiesto pure se fosse malata gravemente, ma Lisa ha detto che sarebbe stato meglio esserlo piuttosto che affrontare le conseguenze della sua azione, anche se non voluta.

Quello che faceva più paura, come dice la donna, era che la gente pensasse che fosse una puttana, se usasse vibratori, se le piacesse il sesso non convenzionale. E le paure si sono avverate: tante domande e tanti consigli non richiesti dagli sconosciuti, come quello di lasciare subito il lavoro e la licenza da avvocato.

Inaspettatamente, l’Università l’ha difesa, e anche i suoi studenti. Tutti hanno detto che hanno sì aperto il link, ma è finita lì, e il rettore ha dichiarato che è stata eseguita una indagine interna e che l’insegnante non ha commesso nessun reato. Nessuno ha messo in discussione la sua dignità. E dalla prossima volta, farà più attenzione a cosa allega!

via: http://www.philly.com/philly/education/Drexel_professor_sent_students_link_to_pornographic_video.html?c=r

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>