«

»

Dic 08

Festa del Cazzo in Giappone, con falli giganti in processione

A Kawasaki, in Giappone, c’è la festa del cazzo. Il culto del pene è un inno alla fecondità, con cazzi finti enormi portati in processione. Si parla anche di prevenzione di malattie sessualmente trasmissibili

festa del pene giappone 7

I Giapponesi sono molto moderni, ma anche tradizionalisti fanatici. Come noi abbiamo le feste comandate, ossia il Santo Patrono o il Natale, per esempio, loro hanno dei riti e delle feste immancabili per la popolazione. A Kawasaki, una città giapponese, la prima domenica di aprile è fondamentale esserci, perché è dedicata al culto del pene. Un cazzo di acciaio viene portato in processione come simbolo di buona sorte, ma, per rispettare anche la modernità, si coglie l’occasione di parlare di sesso protetto e di diffondere la conoscenza e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

Il fallo è da sempre un simbolo di fertilità per tutti i popoli, e i Giapponesi non fanno certo eccezione. Per noi, adesso è considerata uan festa goliardica, e per un occidentale sarà anche divertente vedere questo grande cazzo d’argento innalzato come idolo, ma per loro è come essere di fronte alla statua della Madonna, perché molte donne lo toccano per poter vedere presto realizzato il desiderio di maternità, e molti uomini lo sfiorano per ingraziarsi la buona sorte.

 

La festa si chiama Kanamara Matsuri, la festa del pene di ferro, e ha origini scintoiste, per appunto celebrare la fertilità sia della terra che delle donne. Per un giorno intero, le strade si riempiono letteralmente di cazzi di ogni dimensione: bancarelle che vendono vari oggetti a forma di pene, dai dolciumi ai gadget. Vibratori compresi. Tutto il guadagno viene devoluto alle associazioni locali anti AIDS e anti malattie veneree. Kawasaki ha un buon rapporto con il sesso, visto che per secoli le prostitute si recavano per pregare davanti a un santuario, invocando protezione.

 

La leggenda vuole che una maledizione colpì una ragazza a causa di un demone, in quanto lei lo rifiutò, e per far sì che nessun uomo stesse con lei. Per poterla liberare, un fabbro costruì un grosso fallo di acciaio. Il santuario Wakamiya Hachimangu fu edificato in suo onore, dove è deposto il fallo che, una volta all’anno, viene portato in processione.

Vediamo le foto di questa festa del pene, in Giappone:

1 ping

  1. Cosa rende un cazzo bello? Lo dice la scienza | Foto e video sexy gratis - Sito Sexy

    […] studio svizzero ha determinato le caratteristiche di un cazzo bello : i ricercatori hanno coinvolto la bellezza di 100 donne per giudicare alcuni peni naturali e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>