«

»

Giu 11

La mia amica vergine – racconto erotico

L’amica che non l’aveva mai fatto, il nuovo da leggere assolutamente
racconti erotici studentessa vergine

All’epoca dei fatti avevamo entrambi solo 19 anni. Lei si chiamava Alice, avevamo frequentato lo stesso liceo, nella stessa classe per cinque anni. Anche adesso che andavamo entrambi all’università la nostra strada non si era divisa perché frequentavamo facoltà vicine. Era dai tempi del liceo che Alice era fortemente invaghita di me, ma io avevo sempre altre cose per la testa e non facevo caso alle sue impressioni. Tra l’altro a quella età non era neanche la fine del mondo, col tempo però si era formata benissimo e malgrado fosse bassina era davvero molto bona. Rimpiangevo infatti di non aver saputo cogliere le sue attenzioni e mi chiedevo se ancora provasse qualcosa per me!

Un giorno, uno splendido giorno :), era stata organizzata una serata per riunire tutti i membri della classe del liceo, io ci andai e sorpresa: c’era anche lei. La serata fu tranquilla. Mangiammo, bevemmo tanto, davvero tanto. Poi abbiamo deciso di vederci un film horror. Allora ci sistemammo tutti davanti al televisore. Poco dopo che si erano spente le luci e iniziava il film sentì qualcosa vibrare. Era il mio cellulare, mi era arrivato un SMS proprio da Alice con scritto: “Era da un po’ che non ti vedevo, mi mancavi” E io risposi: “Non sai quanto mancavi tu a me (con un cuoricino)”, “Stasera sei proprio bono!”. E io: “Grazie, ma qui in mezzo fai solo tu figura, tutte le altre sembrano delle racchie”. Nel frattempo ci scambiavamo qualche sguardo. Continuammo così per molto tempo ancora, nessuno dei due era ormai interessato al film! I messaggi si facevano sempre più intensi e piccanti ed ebbi un’erezione, mi toccavo spesso per cercare di posizionarlo al meglio e la cosa non le sfuggì e mi mandò: “Si è svegliato? Io saprei come accudirlo, vieni!”. Ultimo messaggio, poi si alzò e chiese dove fosse il bagno. Poco dopo mi alzai pure io e trovai la porta del bagno aperta, entrai.

La trovai dentro che mi aspettava, per niente imbarazzata. Mi tirò dentro e chiuse. Iniziamo a limonare. Affondava la sua lingua fino in fondo alla mia bocca. Non l’avevo mai vista così scatenata. Io temevo che ci scoprissero così non persi tempo e lo cacciai fuori. L’avevo già durissimo e lei inizio a metterlo in bocca. Il sesso orale non era il suo forte così glielo feci fare per un bel po’ di tempo affinché fosse ben lubrificato.

Come ho detto era piccolina così pesando poco la riuscì a sollevare e porre sopra  la lavatrice con le gambe ben divaricate. Inizia a leccarle la figa iniziandola a penetrare prima con due dita, poi con tre. Era pronta, era più eccitata di me, infatti era abbastanza bagnata. La penetrai tutta in una volta per via della mia fretta, e lei cacciò un gridolino. Sembrava indolenzita, ma io continuavo imperterrito ad andare avanti e indietro, avanti e indietro. Quando tirai fuori il cazzo per provare una nuova posizione mi resi conto che era un po’ sporco di (era ancora vergine!). La cosa mi eccitò tantissimo, così, direttamente a terra, la feci mettere a pecora provando a lavorarmi l’ano, ma lo aveva troppo stretto! Così entrai di nuovo nella figa. Questa volta io ero fermo ed era lei che andava avanti e indietro. Mai ero stato così eccitato e infatti venni solo dopo poco tempo sul suo seno (così aveva deciso lei). Aspettai che si rivestisse, poi entrambi tornammo dagli altri..

Nessuno si era accorto della nostra assenza così prolungata poiché tutti attenti al film. Mi ero perso una scena violenta e tutti ridevano perché pensavano che me l’ero fatta sotto per il film Ridevano, ridevano, io intanto mi ero fatto una splendida scopata e mi ero trovato una perfetta scopa-amica. Quasi due volte a settimana ci incontriamo il pomeriggio per scopare a casa mia o sua..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>